Eventi “andati”

Qui puoi trovare tutti gli eventi realizzati nel 2019.

 

Brianza Pride 2019. Vieni Come Sei

6 luglio, Piazza Castello, Monza

"La partecipazione è un metodo, un modo di stare nelle cose del mondo, che ci libera dall'indifferenza, dal grigiore..." (Rete Brianza Pride - Manifesto)

Credendo fortemente nel valore della partecipazione, nel valore sociale della musica, abbiamo contribuito a colorare di musica il Brianza Pride, venendo come siamo: liberi, appassionati e pieni di speranza per un cambiamento possibile.

Hanno suonato: Open band Flusso 22 del collettivo artistico Ex Alia Parte 022 (Ionut Anton, didgeridoo - Francesco Confalonieri, djembe e handpan)

Conche Bianche (Luca D’Aloia, chitarra e voce - Elena Mauri, violino)

Manifestazione organizzata da Rete Brianza Pride.

 
 
 

Aldo Moro. Un uomo tradito

Un dialogo tra la voce dei protagonisti di quei 55 giorni di storia e la voce dolce e straziante di un violino.

12 maggio, Ex chiesetta Cascina del Bruno, Arcore

"Mia dolcissima Noretta,

dopo un momento di esilissimo ottimismo, dovuto forse ad un mio equivoco circa quel che mi si veniva dicendo, siamo ormai, credo, al momento conclusivo. […] E’ poi vero che moltissimi amici (ma non ne so i nomi) o ingannati dall’idea che il parlare mi danneggiasse o preoccupati delle loro personali posizioni, non si sono mossi come avrebbero dovuto. Cento sole firme raccolte avrebbero costretto a trattare. E questo è tutto per il passato. Per il futuro c’è in questo momento una tenerezza infinita per voi, il ricordo di tutti e di ciascuno, un amore grande grande carico di ricordi apparentemente insignificanti e in realtà preziosi. Uniti nel mio ricordo vivete insieme. Mi parrà di essere tra voi. […] Bacia e carezza per me tutti, volto per volto, occhi per occhi, capelli per capelli. A ciascuno una mia immensa tenerezza che passa per le tue mani. Sii forte, mia dolcissima, in questa prova assurda e incomprensibile. […] Tutto è inutile, quando non si vuole aprire la porta.”

(Lettera di Aldo Moro alla moglie Eleonora Chiavarelli | marzo ’78, recapitata il 5 maggio ’78)

Reading teatrale delle lettere dalla prigionia di Aldo Moro a cura della Compagnia “Teatro 3” di Monza e interventi musicali dell’Associazione Musicale “Andante”.

 
 
 

Il potenziale della Musica e dell’Arte in ambito educativo

30 aprile, Centro Parrocchiale, Cusano Milanino

Incontro e dibattito sul valore educativo dell’esperienza estetica in senso lato, in particolare dell’esperienza musicale nei contesti inclusivi per la disabilità infantile.

Relatrice: Elena Mauri, Presidente Associazione Musicale “Andante”.

Abstract

Intendere l’educazione come accrescimento del proprio ambito di esperienza, come svolgimento dentro, mediante e per l’esperienza, ma non un’esperienza qualsiasi, bensì un’esperienza che sia di qualità, ovvero che vivrà fecondamente e creativamente nelle esperienze che seguiranno.

L’esperienza è, infatti, ciò che tende alla propria compiutezza nell’estetico, secondo il filosofo e pedagogista John Dewey, perché in essa partecipiamo con tutto il nostro essere (pensieri e affetti).

Quale sguardo posare sull’arte e sulla musica per pensarle come veicoli educativi?

Occorre allargare la nostra visione, assumendo uno sguardo critico.

Se continuiamo a pensare arte e musica come termini statici, questi non potranno mai essere veicoli educativi e il gesto artistico e musicale dell’educando non sarà mai guardato da noi come segno d’arte e di musica.

"Più di qualsiasi altra attività l’educazione esige che si guardi lontano” (John Dewey)

 
 
 

Il Cielo è di tutti

Una narrazione che scorre fluida, che illumina i sogni, che risveglia l’immaginario.

Scuole dell’infanzia, Monza

Centro diurno per bambini con disabilità, Milano

Un cerchio che, dapprima si colora di parole e di echi generosi, e poi di suoni eseguiti dai gesti parsimoniosi dei bambini, che seguono il “direttore d’orchestra”, che seguono il flusso naturale della vita e delle metamorfosi che avvengono nel cielo.

Il cielo è di tutti, di tutti coloro che amano ascoltare e suonare la sua musica.

Attività ideata e progettata da Elena Mauri, Presidente di Associazione Musicale “Andante”.

 
 
 

Noi, il Gioco, la Musica 2

“GIOCARE è UNA COSA SERIA” 

Da sabato 2 marzo quattro appuntamenti per scoprire il mito dei Coribanti, il mito della musica che risuona dentro ognuno di noi, attraverso giochi musicali per bambini dai 4 ai 10 anni. 

Il “gioco dona senso al presente” e, costituisce, “il centro felice dell’esistenza”, “un’oasi di gioia” specie per il bambino, scriveva Eugen Fink.

La musica è anch’essa oasi di gioco e oasi di gioia, luogo privilegiato dello sviluppo dell’immaginazione creatrice, della scoperta di sé e di incontro con l’identità (corporea ed emotiva) dell’altro.

L’esperienza attraversata ha accompagnato alla scoperta delle seguenti dimensioni musicali:

  • la relazione del corpo con la musica (movimento, gesto e voce);

  • la scoperta dell’origine, dell’intensità e della durata del suono;

  • il ritmo e gli strumenti a percussione;

  • le partiture musicali.

 
 
fullsizeoutput_55a.jpeg

Percorsi Sonori

Percorsi di scoperta corporea globale del suono e della musica, rivolti a bambini dai 3 ai 5 anni.

Scuole dell’infanzia, Monza

Il “corpo intero” al centro, inteso come primo strumento musicale attraverso cui sentire e provare gli elementi musicali fondamentali:

  • contrasto suono-silenzio e mobilità-immobilità;

  • il gesto di chi mi guida e il gesto con cui guido;

  • contrasto di intensità (forte-piano);

  • la pulsazione e le sonorità vocali;

  • la pulsazione e la body percussione;

  • contrasto di agogica (lento-veloce);

  • percorsi di ritmica (corpo in movimento);

  • l’orchestra.

Il percorso, oltre a dare importanti benefici personali al bambino direttamente coinvolto in esso, offre importanti benefici all’intero gruppo-classe.

Attraverso la musica e la condivisione di essa con i propri coetanei, i bambini imparano importanti valori sociali, quali l’ascolto (di sé e dell’altro, interiore e polifonico), la cooperazione e la comune partecipazione a una piena facoltà di espressione.

Percorsi ideati e progettati dal team di Associazione Musicale “Andante”.